search menu
Venti di guerra soffiano sul Nagorno Karabakh, enclave armena contesa tra Yerevan e l'Azerbaigian: da un lato gli armeni cristiani, dall'altro gli azeri musulmani; i russi con i primi, i turchi con i secondi. Ed una dichiarazione d'indipendenza - quella del Nagorno - datata 1991 che ha scatenato una guerra per procura durata fino al '94 e scoppiata di nuovo in altre riprese, fino ai giorni nostri. Sullo sfondo il potere politico, il petrolio, il Grande Gioco di Mosca contro Ankara. E il dramma del genocidio armeno figlio della Grande Guerra, ferita ancora aperta dopo 100 anni e più. Antonino D'Anna ne parla con Antonia Arslan, scrittrice e accademica padovana, autrice di "La masseria delle allodole" dal quale nel 2007 i fratelli Taviani hanno tratto l'omonimo, potente film.