search menu

Negli scorsi anni l'Italia ha donato motovedette alla Guardia Costiera libica, ma - sorpresa sorpresa! adesso la Guardia è una formidabile arma di ricatto per trattenere o meno immigrati sulle rotte mediterranee in mano a Recep Tayyp Erdogan, il presidente turco. Antonino D'Anna ne parla con Nello Scavo, collega di Avvenire e scrittore, nel corso del faccia a faccia dalle 11.00 in poi. E nella prima parte si fa il punto della situazione con l'onorevole Lorenzo Viviani (Lega) sui nostri marittimi da due mesi bloccati nella Libia del generale Haftar: che cosa sta succedendo?